Jakob Van Oost

Inizialmente questo quadro nel 1992 è stato attribuito dal noto storico dell’arte francese Didier Bodart, esperto di arte fiamminga, al pittore di Harlem Jan de Bray. Dagli ultimi studi svolti recentemente dalla società olandese RKD che è uno dei principali Istituti di ricerca e documentazione nel mondo, specializzato sulla pittura fiamminga, risulta essere stato attribuito a Jacok Van Oost Il Vecchio (Bruge 1603-1671)

Biografia
Jakob van Oost (intorno 1600 in Bruges , † intorno 1671 a Bruges) è stato un pittore fiammingo  del barocco a Bruges. La sua opera comprende dipinti storici e ritratti .

Il 19 gennaio 1619 Jakob van Oost fu iscritto come apprendista di suo fratello Franz van Oost (1618 massoni a Bruges, † 1625) nella Gilda dei pittori di Bruges. I suoi primi lavori comprendono copie dei dipinti di Jan van Eyck e Peter Paul Rubens , che furono considerati nel 1857 in parte come originali. Nel 1621 fu nominato maestro indipendente. Nel suo periodo in Italia negli anni '20 ha studiato le opere di  Annibale Carracci influenzate dal Caravaggio, Dopo il suo ritorno fu dal 1630 un ricercato artista a contratto per ritratti, dipinti storici e pale d'altare. Nel 1633 fu eletto a capo, il decano dello scudiero. Tra i  suoi allievi  anche i suoi figli Jacob van Oost il Giovane e Willem van Oost, che hanno continuato la scuola di suo padre Dopo le sue copie Ruben è arrivato al suo stile in una posa complessiva scura e tonale. La sua ultima opera del 1660 è composta da opere dai toni nerastri. I suoi dipinti si trovano nelle istituzioni religiose e collezioni di Bruges, così come in Belgio di proprietà privata e nei seguenti musei di Bergues , Berlino , Bruxelles , Caen , Dijon , Dunkerque , Leningrado , Lille , Londra , Lione , New York City, Parigi, Tournai , Valenciennes e Vienna .

Ritratto di famiglia, Olio su tela, cm 154 x 215
XVII secolo
Soggetto rappresentato

Questa grande opera mostra una coppia di sposi con i loro quattro figli, la madre della sposa e sulla sinistra una nonna. Si mostrano più generazioni in un’unica scena che si svolge al primo piano della terrazza del parco.
La coppia di sposi circonda la mamma della sposa che appare come il vero capofamiglia. La sposa è seduta a sinistra con il figlio più piccolo sulle ginocchia. Il marito, a destra, suona la torba e alla sua destra ci son i figli più grandi, una sontuosamente vestita, l’altro accompagna il padre con il suono del tamburo basco.
Gli abiti permettono di collocare questa opera tra il 1650 e il 1660.
L’interpretazione di questo tipo di temi nella pittura olandese del XVIIesimo secolo, come scena di conversazione è stato analizzato con pertinenza da Mario Praz, nel suo straordinario saggio sul “Conversation Piece”.
L'assenza di riferimento a un ideale eroico nel senso della virtù machiavellica prende origine del fatto che i ritrattisti non proponevano un modello ideale di qualità. Inoltre, poiché questi modelli rimanevano ancorati in-corpore nel quadro, che dava loro vita, le loro caratteristiche mantenevano la libertà di non conformità con il paradigma classico o guerriero. Va ricordato che la maggior parte di loro erano essenzialmente borghesi. Così, mentre in Italia si era ben felici di rappresentare l'aristocrazia nella ritrattistica, in Olanda, d'altra parte, erano estasiati dal ritratto borghese della comunicazione del “Conversation Piece”.

Esposizione permanente