Claude Vignon

BIOGRAFIA

Claude Vignon è nato in una famiglia benestante a Tours nel 1593. Ha ricevuto la sua formazione artistica iniziale a Parigi dal pittore manierista Jacob Bunel, un rappresentante della Seconda Scuola di Fontainebleau.  Probabilmente viaggiò a Roma già nel 1609-10. Qui faceva parte della comunità francese di pittori, tra cui Simon Vouet e Valentin de Boulogne, entrambi membri di spicco degli artisti che lavoravano secondo uno stile influenzato dal Caravaggio.

Tornato in Francia nel 1623, sposò nel 1624 Charlotte de Leu, figlia dell'incisore Thomas de Leu. Dopo il suo ritorno a Parigi divenne uno degli artisti più rispettati, produttivi e di successo della città. I suoi mecenati comprendevano il re Luigi XIII e il cardinale Richelieu. Lavorò anche per mecenati ecclesiastici e per clienti privati. Divenne un socio in affari dell'editore di stampa e mercante d'arte François Langlois. Mentre i grandi schemi decorativi del giorno andarono ad altri pittori come Simon Vouet che era tornato in Francia nel 1627 e Philippe de Champaigne, Vignon ha continuato a godere di ampia protezione ed è stato molto ricercato dalla cerchia del rinomato salone letterario del Hôtel de Rambouillet . Anne, Duchessa de Longueville gli commissionò la decorazione della galleria del castello di Thorigny tra il 1651 e il 1653. 

Dopo la morte della sua prima moglie sposò Geneviève Ballard nel 1644. Si dice che abbia generato 35 figli, 24 dei quali sono documentati. Alcuni dei suoi figli divennero pittori nel laboratorio del padre

Vignon fu ammesso all'Académie royale de peinture et de sculpture nel 1651. Vignon ha dipinto ritratti, scene di genere e opere religiose. Claude Vignon è stato un artista molto versatile che ha assimilato elementi di vari stili dal manierismo all'arte veneziana, olandese e tedesca. Importanti influenze sul suo stile furono le opere del pittore caravaggesco veneziano Domenico Fetti, del tedesco Adam Elsheimer e degli olandesi Jacob Pynas,  Pieter Lastman e molti altri. Il suo stile deve molto allo stile eccentrico di Leonaert Bramer, tranne per il fatto che Vignon ha lavorato su una scala molto più ampia di quella tipica dei dipinti di Bramer.  Un'altra influenza importante fu il seguace più diretto di Caravaggio, Bartolomeo Manfredi. Le molteplici influenze hanno reso il suo lavoro enigmatico, contraddittorio, complesso e difficile da definire all'interno di un singolo termine o stile. Alcuni storici dell'arte lo considerano un precursore di Rembrandt. 

Ha iniziato con uno stile manierista ed è stato poi influenzato dal carravaggismo durante il suo soggiorno a Roma. A Roma è noto per aver creato una serie di dipinti a figure singole raffiguranti santi maschili che leggono o scrivono. Nel periodo 1630-1640, quando l'artista lavorò a Parigi, la sua tavolozza divenne più ricca. Ha usato tonalità ricche, come rosa, blu, oro e raffiche di colore rosso su sfondo grigio tenue nelle sue composizioni. Ha fatto affidamento su una tecnica originale eseguendo il suo lavoro in due fasi successive: prima ha fatto una rapida descrizione della composizione e poi ha faticosamente reso i tessuti e i gioielli, dando al materiale maggiore consistenza e sollievo. Facendo affidamento su questa tecnica, Vignon fu in grado di stabilire una grande reputazione per la velocità con cui dipinse. Gli ha anche permesso di produrre il gran numero di dipinti per cui è conosciuto. I dipinti di questo periodo conservano ancora le reminiscenze del periodo caravaggesco di Vignon, ma sono sovrapposti a una nuova sensualità decorativa, che riflette una nuova sensibilità emergente a Parigi in quel periodo. Le sue opere del periodo 1640-50 sono caratterizzate dalla ricca colorazione, dalla superficie ingioiellata e dal manierismo teatrale. Le sue composizioni sono immerse in uno strano chiaro di luna sepolcrale ed eseguite in una vernice luccicante e incrostata che a volte assume l'aspetto di un argento intricato. È per queste caratteristiche che Vignon è stato talvolta definito un pittore "pre-Rembrandtist". 

Vignon è stato attivo come incisore durante la sua carriera. Ha mostrato lo stesso alto livello di abilità tecnica nelle sue opere stampate come nei suoi dipinti. Fu uno dei più importanti stampatori della Francia del XVII secolo. Ha anche prodotto illustrazioni per pubblicazioni degli scrittori francesi del circolo letterario dei précieuses.

CLAUDE VIGNON
MOSE’
olio su tela cm 92X68
Terzo decennio del XVII secolo

Il dipinto raffigura Mosè, opera del pittore francese Claude Vignon (Tour 1593 – Parigi 1670). Mosè è per gli Ebrei il rabbino, il maestro per antonomasia e tanto per gli Ebrei quanto per i cristiani egli fu la guida del popolo ebraico secondo il racconto biblico dell'Esodo; per i musulmani, invece, Mosè fu innanzi tutto uno dei profeti dell'Islam la cui rivelazione originale, tuttavia, andò perduta.

Sebbene non  siano molte le date sicure che ci aiutano a stabilire una convincente successione cronologica delle opere che ci restano di Claude Vignon, non mi par dubbio che questa vigorosa mezza figura di Mosè si apparenti a quei dipinti nei quali l’artista, ben conscio del tramontare della moda caravaggesca dalla quale ai suoi primi anni romani (a cominciare dal 1617), era stato attratto, elabora uno stile largo e fluente con ampi tagli scenografici, in qualche modo barocco, ma accordandolo a quel fondo manieristico della sua cultura, originario e mai del tutto dimenticato e all’acquisito naturalismo.

Sarei propenso a datare questo dipinto sicuramento dopo il terzo decennio del seicento, confrontandolo con opere come il Sant’Ambrogio del Museo di Minneapolis, il Cristo fra i dottori di Grenoble, il “Pasce oves mea” del Museo di Amsterdam. Si tratta di una opera indubbiamente interessante, di bella qualità pittorica e in ottimo stato di conservazione. (Giuliano Briganti, Roma 1985)

Esposizione permanente